A questo punto, è necessario padroneggiare tutti gli strumenti necessari per l’ultima fase di lavoro, iniziata, vi ricordate, con la previsualizzazione del nostro scatto.
Oggi si parla, quindi, di postproduzione.

Per concludere, quindi, vi presento lo schema della mia “ricetta” generale per la postproduzione della fotografia di paesaggio, con le sue varie declinazioni (bianco e nero, cityscape, …), in forma di mappa mentale.

Se volete approfondire l’argomento potete contattarmi per un corso o un workshop personalizzato.