L’idea è quella di applicare alla fotografia un meccanismo tipico della musica: quello delle cover.

Molto spesso, infatti, l’interpretazione di brani di altri artisti è il punto di partenza di parecchi musicisti, ma non solo, è anche un modo, per quelli affermati, di rendere omaggio ai loro colleghi.

Ovviamente una cover può essere una pura “operazione fotocopia“, ma, e questo ci interessa di più, può essere una vera reinterpretazione.

Un esempio sono i due video qui sotto: i Coldplay reinterpretano e stravolgono un pezzo dei Beastie Boys.

Bene, proviamo adesso a vedere cosa possiamo fare in fotografia:

  • pescate qualche vostra vecchia foto e rivisitatela, dallo scatto alla postproduzione;
  • cercate su Internet qualche immagine veramente brutta (i “photographer” di Facebook potrebbero esservi di aiuto;-) e rifatela. Ovviamente conviene che cerchiate qualcosa di già (mal)fotografato vicino a voi. Un aiuto può essere Panoramio, oppure potete usare gli hashtag su Facebook;
  • cercate una foto molto famosa e rifatela “a modo vostro”. Questa è un’operazione più facile per ritratto e still-life e, ovviamente, molto più complessa e costosa per la fotografia di viaggio.

Buon divertimento!