Confrontandomi con amici e colleghi, spesso noto una certa differenza di visione che è contemporaneamente generazionale e culturale.
I più legati ai media tradizionali, come la carta stampata, tendono a visualizzare l’immagine anche in senso verticale, adatto al formato di libri e riviste.I più giovani, cresciuti tra web e video, hanno una visione orizzontale, quasi “wide”.
Conosco molte persone che non hanno mai girato la loro fotocamera in senso verticale, salvo che per gli scatti multipli delle panoramiche.
Vi propongo quindi due facili esercizi: per una giornata provate a scattare solo in verticale e tentate anche di reintrepretare, croppandole, vecchie foto orizzontali in senso verticale.